Come cambierà il concetto di casa dopo il Coronavirus?

Riassunto del live su Instagram di Giovedì 16 Aprile con il collega Diego Moretto di Oikos Immobiliare di Oria

Una cosa è certa: questo isolamento forzato ha cambiato radicalmente la percezione e il concetto di casa di casa in ognuno di noi. Ne abbiamo finalmente compreso l’importanza e l’essenza e quello che veniva pensato come un posto in cui “si va solo per dormire” è diventato ora un luogo di rifugio e protezione, nel quale sentirci al sicuro, nel quale si deve star bene e ci si deve sentire a proprio agio.

Non si sta più in casa solo per le normali azioni quotidiane ma è qui che ora si lavora, si studia, si convive h24 e 7 giorni su 7 con la propria famiglia/il proprio partner/da soli, ci si organizza per distrarsi e per divertirsi come si può.

Nel breve sondaggio condotto via social nei giorni precedenti a questo live, è emerso che la stragrande maggioranza di noi avrebbe tratto un notevole beneficio nell’avere (in ordine di importanza):

1. Avere uno spazio esterno (preferibilmente giardino privato) in cui potersi rilassare in queste giornate primaverili;

2. Avere una stanza in più da dedicare al lavoro, allo studio dei figli o anche solo per ritirarsi nei momenti di normale stress nei confronti di un membro della famiglia;

3. Vivere in un ambiente più gradevole, aspetto che hanno sottolineato tutti coloro che si trovano in appartamenti in affitto “di una certa età” e che quindi, anche volendo, non possono/vogliono mettere mano all’immobile, oppure coloro che hanno rimandato l’idea di ristrutturare o riqualificare la propria casa;

4. Risiedere in un Paese diverso, alcuni hanno espresso l’intenzione di valutare una soluzione al mare/in montagna una volta terminata l’emergenza in atto;

Evelin Sozzi Gestioni Immobiliari - Il concetto di casa dopo Coronavirus

Cosa ci possiamo quindi aspettare dopo il Coronavirus dal punto di vista delle richieste, dei sogni, delle ricerche?

Credo che si andrà verso la ricerca di immobili che abbiano ampi spazi esterni prediligendo i giardini privati, i terrazzi e quindi prevedo una nuova nascita per le periferie a discapito dei centri storici che hanno immobili sprovvisti di pertinenze esterne.

Potrebbe anche esserci uno spostamento quindi dalle Città ma a patto che i Paesi siano collegati da trasporti pubblici e servizi da attività essenziali.

Si prediligeranno ambienti di metrature superiori, con una stanza in più e, se possibile, con doppi servizi. Inoltre verranno preferiti immobili di una qualità superiore e con caratteristiche/servizi di una qualità maggiore.

Parecchie persone ora in affitto prenderanno in considerazione di acquistare un immobile e molte “convivenze forzate” porteranno a un incremento di locazioni residenziali, soprattutto per ragazzi/e che lasceranno la casa di famiglia per andare a vivere da soli.

Evelin Sozzi Gestioni Immobiliari - Il concetto di casa dopo Coronavirus

E dal punto di vista dell’andamento dei prezzi?

Nelle ultime settimane sono spuntate come funghi statistiche, opinioni, studi, recensioni e chi più ne ha più ne metta. Chi dice che i prezzi scenderanno in picchiata, chi dice che manterranno una certa stabilità, chi prevede catastrofi ed anche chi, con molto ottimismo, prevede una ripresa del mercato ed una risalita dei prezzi.

Non avendo una sfera di cristallo ed una bacchetta magica, ciò che personalmente mi sento di dire è che non possiamo sapere ad oggi quale scenario ci attende. Non abbiamo esperienza a riguardo (ricordiamoci che si tratta innanzi tutto di una crisi sanitaria, che poi è sfociata anche in economica, ma è pur sempre un’emergenza sanitaria) e potremo dare una risposta a questa domanda, a mio modesto parere, solo entro la fine dell’Anno 2020 e comunque dopo la chiusura delle prime trattative post-covid.

A mio modesto parere il mattone rimarrà sempre il bene rifugio di noi Italiani.

A tal proposito i Presidenti di Fiaip e Fimaa della Provincia di Bergamo si sono espressi nella giornata di Martedì sulle pagine dell’Eco di Bergamo proprio avvalorando questa tesi e ricordando che l’acquisto di immobili, di oro, diamanti e materie prime è sempre stato conseguente a qualsiasi crisi.

Ricordo inoltre che in questo momento vengono concessi facilmente mutui ed i tassi d’interesse risultano piuttosto convenienti.

Evelin Sozzi Gestioni Immobiliari - Il concetto di casa dopo Coronavirus

Come stiamo vivendo noi Agenti Immobiliari questo momento? Cosa ci aspettiamo dal futuro?

Proprio per rispondere a questa domanda ci sarà una diretta la prossima settimana, presumibilmente Martedì, per approfondire questo argomento che merita più di qualche minuto.
Credo che il ruolo di Agente Immobiliare necessiterà di un ulteriore cambiamento di mentalità e di operatività, cosa tra l’altro della quale siamo molto capaci poiché negli anni abbiamo sempre dovuto re-inventarci per restare al passo coi tempi, crearci nuove opportunità ed “alzare l’asticella”.

Credo che rivolgersi ad un Professionista nella fase successiva al Coronavirus sarà ancora più importante perché si potranno garantire al Cliente le adeguate protezioni (dispositivi di sicurezza all’ingresso dell’ufficio), un rigoroso rispetto delle norme igieniche e di pulizia/sanificazione dell’ambiente di lavoro e una scaletta di appuntamenti ben distanziati che darà la possibilità di disinfettare l’ambiente. Aspetti che rivolgendosi a un improvvisato o a un privato non possono sicuramente essere assicurati.

Inoltre metteremo in campo tutta una serie di strumentazione per effettuare visite preliminari a distanza (videochiamate, virtual tour, riunioni e conferenze via skype) che ci permetteranno di “incontrarci virtualmente” anche prima della visita vera e propria dell’immobile

Evelin Sozzi Gestioni Immobiliari - Il concetto di casa dopo Coronavirus

Covid-19 ridisegnerà il quadro futuro di richieste di case vacanza nelle nostre zone?

Una domanda alla quale tengo particolarmente poiché come sapete mi occupo di case vacanza in Valle Seriana e al Lago d’Iseo.
Certamente lo ridisegnerà. Per quanto riguarda la stagione in corso i fattori che determineranno la riuscita o il fallimento del turismo delle case vacanza sono troppo incerti.
Noi operatori del settore per il momento vivremo “alla giornata” le prossime settimane ed i prossimi mesi nonostante io reputi che non appena avremo la possibilità di poter viaggiare, lo faremo.

Magari anche tramite la formula delle vacanze di prossimità della quale si sente parlare in questi giorni o grazie ai recentemente proposti voucher-vacanze.

Personalmente ritengo che avremo un boom già a partire dalla fine 2020/inizio 2021 dove i Viaggiatori continueranno ed anzi implementeranno la loro ricerca di case vacanza poiché oltre ai fattori chiave che hanno determinato il successo di questa formula ossia:

1. Fattore economico
2. Fattore privacy – indipendenza – autonomia

Preferiranno passare le loro vacanze in un Paese straniero rimanendo a contatto con la propria famiglia e limitando i rapporti con persone sconosciute, privilegiando quindi le case vacanza a discapito degli hotel o delle grandi strutture alberghiere aventi numerosi spazi comuni.
E’ di fondamentale importanza anche in questo caso offrire un servizio di altissimo livello e che gli immobili siano ai top di gamma, abbiano una qualità assoluta e siano dotati di particolarità, fascino e privacy.

<< HOME

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *